Oracolo di Delfi

Ti avverto, chiunque tu sia. Oh tu che desideri sondare gli arcani della Natura, se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi non potrai trovarlo nemmeno fuori. Se ignori le meraviglie della tua casa, come pretendi di trovare altre meraviglie? In te si trova occulto il Tesoro degli Dei. Oh Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli Dei

loc_5398e34fc416b3c96f998022941e5e06_1.jpg

L’oracolo di Delfi era il più importante oracolo dell’antica Grecia. Si trattava di un oracolo sito a Delfi(città della Grecia che si estende sulle pendici del monte Parnaso), attribuito a Apollo, dio che si propone come il principale tramite tra l’onnisciente Zeus e gli uomini. Nella cella del tempio, al centro del pavimento, vi era una crepa detta Χασμα da cui si sprigionavano vapori[si tratterebbe di gas allucinogeni] capaci di indurre una specie di trance. Al di sopra di questa crepa era piazzato il tripode su cui la sacerdotessa (chiamata Pizia) si sedeva durante le sessioni oracolari. L’effetto dei fumi viene descritto come molto ineguale, per lo più si limitava ad indurre un delirio durante il quale la pizia pronunciava suoni e parole sconnesse che venivano accuratamente trascritte e successivamente interpretate e comunicate all’interrogante.

Le pizie erano prescelte tra le famiglie di poveri contadini, nate a Delfi; il compito della sacerdotessa era rischioso e le si imponeva, una volta entrata nel santuario, di non lasciarne mai più il servizio, oltre ad un assoluto nubilato. Nei tempi antichi le pizie erano prescelte ancora fanciulle ma dopo un increscioso caso di seduzione si ricorse all’espediente di scegliere solo donne oltre i cinquanta, che però per tradizione indossavano abiti da giovinetta. Nel periodo aureo di Delfi erano presenti nel santuario fino a tre pizie (due che davano responsi alternandosi, una tenuta, per così dire, di riserva in caso di incidenti collegati alla intossicazione).

I membri dell’aristocrazia di Delfi esercitavano le cariche sacerdotali che controllavano l’oracolo. In particolare i cosiddetti Hòsioi, cinque sacerdoti che erano praticamente i veri responsabili delle profezie, erano sempre scelti all’interno di cinque famiglie che si ritenevano discendenti diretti di Deucalione

Oracolo di Delfiultima modifica: 2010-01-26T21:52:00+00:00da creare123
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Oracolo di Delfi

Lascia un commento